46ma Passeggiata dei Tre Colli

Dopo l’annullamento dell’edizione 2020 causa COVID e lo slittamento di quella del 2021, ritornerà la Passeggiata dei Tre Colli arrivata alla 46ma edizione.

Quest’anno abbandonerà la classica data del 1 Maggio per spostarsi a quella del 26 Settembre.
Ci saranno delle novità riguardanti la partenza: per evitare assembramenti nel luogo dell’iscrizione/ritrovo verranno introdotte varie partenze scaglionate a partire dalle ore 09:00 fino alle ore 11:00.

L’iscrizione sarà sempre di 5€ per gli adulti e 3€ per gli under 13, alla partenza verrà consegnato un gadget omaggio e all’arrivo c’è la possibilità di rifocillarsi con bevande e panini alla salsiccia.

E’ possibile prenotarsi nei giorni precedenti, affinchè vengano già organizzate le partenze scaglionate, in tre possibilità:

    • presso il Circolo Borsi in Via Fossa, 12
    • via WhatsApp al numero 328 7945761
    • via email all’indirizzo circoloborsi.brisighella@gmail.com

Le iscrizioni saranno aperte per tutti dalle ore 08:00 del giorno della passeggiata.

Si ricorda a tutti i partecipanti l’obbligo della mascherina sia in occasione dell’iscrizione fino prima della partenza ed all’arrivo.

 

Diocesi: Faenza-Modigliana, a due anni dalla morte del card. Achille Silvestrini una messa e una nuova pubblicazione

La diocesi di Faenza-Modigliana e la comunità di Brisighella (Ravenna) ricordano il card. Achille Silvestrini, diplomatico della Santa Sede e grande personalità della Chiesa, a due anni dalla morte. Si è celebrata sabato 28 agosto alla collegiata di San Michele di Brisighella la messa di suffragio al cardinale, presieduta dal vescovo di Faenza-Modigliana Mario Toso; dall’arcivescovo Claudio Celli, presidente della residenza universitaria Villa Nazareth a Roma; e da mons. Tommaso Ghirelli, vescovo emerito di Imola, riferisce un comunicato diffuso oggi.
Un cardinale che, parallelamente all’intensa attività diplomatica, credeva nelle nuove generazioni, auspicando per loro preparazione spirituale e culturale. Egli, ha detto mons. Toso nell’omelia, “non cessò mai di lavorare per preparare le nuove generazioni dal punto di vista culturale e politico. Molto del suo tempo e delle sue energie” fu dedicato alla fondazione di Villa Nazareth, “la piccola Oxford della periferia romana, ossia all’educazione degli studenti e alla formazione intellettuale, in vista di futuri impegni nella società e nelle istituzioni, a livello nazionale e internazionale”. “Ha saputo dare all’istituto una dimensione di servizio ispirato dall’amore profondo alla Chiesa e a Dio”, ha aggiunto mons. Celli.
In occasione della giornata, è stato presentato un nuovo libro a lui dedicato: “Ricordando don Achille. Brisighella al card. Achille Silvestrini (1923-2019)”, edito da Carta Bianca e a cura della Fondazione Memoria storica I Naldi-Gli Spada, dopo quello che l’anno scorso gli ha dedicato la diocesi di Faenza-Modigliana, avente come titolo “Card. Achille Silvestrini” (Tipografia Faentina Editrice, Faenza 2020).

Articolo

Omelia del Vescovo

UN CAMPO ALL’INSEGNA DELLA COMUNITÀ

Dal 6 al 10 luglio i gruppi di prima media delle parrocchie di Brisighella e Fognano hanno vissuto alcuni giorni di condivisione, gioco e fraternità nella canonica di San Valentino (sulle colline di Tredozio). Il desiderio era quello di creare occasione per costruire comunità, vivere il nostro stare in parrocchia non come impegno tra gli altri per raggiungere un sacramento, ma come esperienza di appartenenza alla Chiesa, di condivisione della fede  nella gioia e nello stare insieme. Trascorrere alcuni giorni insieme è conoscersi di più e meglio, avere la possibilità di vivere nella pratica il Vangelo che viene annunciato negli incontri e nella Messa: condividere tempo con l’altro per fare esperienza dell’Altro. A guidarci nel cammino l’esperienza della prima comunità cristiana: comunità, riconciliazione, amore fraterno, unità e missione sono state le parole chiave che hanno scandito il nostro itinerario. L’ambientazione del film d’animazione Kung Fu Panda ci ha invece accompagnato nei giochi e nelle varie attività, fornendoci un esempio di impegno, determinazione, vocazione e ricerca del bene. Non sono mancate le passeggiate, tempo privilegiato per conoscersi, scambiare due parole, approfondire legami, sperimentare la fatica per arrivare ad una meta. Durante una di queste il torrente Tramazzo ci ha anche accolto per un tuffo ristoratore e un bel pomeriggio nell’acqua fresca. La preghiera delle Lodi al mattino e quella della Compieta alla sera hanno aperto e chiuso le nostre giornate, dando un respiro ancora più ecclesiale al nostro stare insieme. Grazie alle visite dei parroci, don Elvio e don Mirko, abbiamo anche avuto il dono di poter celebrare il sacramento della Riconciliazione e di vivere la celebrazione dell’Eucarestia, quest’ultima, vissuta con le famiglie dei ragazzi, ha concluso il campo. Volendo tracciare un bilancio, questa prima esperienza estiva insieme è stata sicuramente un’occasione colta positivamente dai ragazzi, occasione anche per alimentare la condivisione e la collaborazione tra queste due parrocchie e trampolino di lancio per la prosecuzione del cammino di catechesi in maniera rinnovata e sempre più esperienziale.     Gli Educatori

***

In questa località grondante di storia e spiritualità, hanno  vissuto la loro prima esperienza di campo-estivo gli alunni della prima media che frequentano il catechismo presso le parrocchie di Brisighella e Fognano. L’ampio spazio per le attività ludiche, la canonica attrezzata per l’ospitalità, la chiesa per i momenti di raccoglimento ne fanno un luogo particolarmente adatto per una esperienza di vita comunitaria. I sentieri che conducono a località amene del territorio invitano alle escursioni giornaliere a contatto con acque incontaminate o con  vette che si affacciano su paesaggi di incanto. E il solenne silenzio di questi spazi è stato interrotto solo dal vocio misurato dei bambini e dalle loro giocose risate. Le giornate sono state scandite da ritmi che non hanno concesso spazio alla noia. Il soggiorno è stato particolarmente coinvolgente: vivere l’esperienza del gruppo nel rispetto delle regole e dei ‘compagni di viaggio’, a quell’età, è senza dubbio una delle esperienze più formative che possa essere loro offerta.. Particolarmente atteso il momento della mensa: pasti abbondanti e curati sono stati apprezzati da piccoli e grandi.                    Il team dei cuochi

 

SAN VALENTINO (Tredozio) – Breve Storia di un posto per attività estive

I 621 metri di altitudine di San Valentino(Tredozio) fanno la differenza e l’afa di Brisighella viene rapidamente dimenticata. Il luogo è ricco di suggestioni spirituali e storiche.  La chiesa, di antiche origini, fondata nel 562 d.C., vantava il titolo di Pieve e alla sua giurisdizione erano state assegnate 21 chiese parrocchiali e vasti territori compresi fra Gamogna, Marradi, Modigliana, Rocca San Casciano e San Benedetto in Alpe.

Nel tempo l’edificio ha subito vari interventi che ne hanno modificato l’impianto originario; al 1863 risale l’ultima ricostruzione nell’attuale sito e al corpo principale è annessa una canonica.

In questo luogo, 77 anni fa, l’arciprete don Luigi Piazza protesse la clandestinità di Silvio Corbari che, tradito, il 18 agosto 1944 fu catturato dai fascisti nella vicina località di Cornio assieme ad Adriano Casadei, Arturo Spazzoli ed Iris Versari che, ferita, si suicidò.

Da Cornio i prigionieri furono portati a Castrocaro dove Corbari e Casadei furono impiccati mentre Spazzoli era stato ucciso durante il trasferimento; i corpi martoriati vennero poi trasferiti a Forli e appesi ai lampioni di piazza Saffi dove rimasero per alcuni giorni.

Il sito è oggi inserito tra i ‘Luoghi della memoria’ della provincia di Forlì e la strada comunale che conduce alla Pieve è stata intitolata al ‘Battaglione Silvio Corbari 1944’.

 

 

Un Anno di Catechismo 2020-2021

Un anno di catechismo, un anno difficile trascorso tra felici rientri, lunghe pause, incontri online è terminato con il solito e rassicurante: buone vacanze a tutti!!! a settembre!! Ad ogni rientro rinasceva la voglia di fare, di riprendere il dialogo con Gesù, trasmettergli la nostra vicinanza , chiedergli di aiutarci, di starci vicino. A Natale il nostro presepe….Maria, Giuseppe, il Bambinello e due pecorelle…..soli , smarriti erano in attesa dei Re Magi, mai arrivati, fermi alla frontiera, causa pandemia. E poi….la nostra sempre crescente voglia di dialogare con Gesù ci porta a lanciare verso l’alto, con tante “manine aperte”, “postini inviati speciali”, belle colombe bianche che avevano il compito di portare a Gesù pensieri, promesse, preghiere, auguri, invocazioni. Infine la nostra festa finale nel parco sempre silenzioso e bellissimo di villa Ginanni, tutto nostro per un pomeriggio, che si è riempito di risate, canti, richiami, grida di felicità che esprimevano una ritrovata libertà e una gioia infinita nello stare tutti insieme grandi e piccini. Ci siamo divertiti e con un pizzico di malinconia salutati, qualcuno si è dato appuntamento per una nuova esperienza.

Orari Sante Messe

A partire da domenica 12 aprile gli orari delle Sante Messe saranno i seguenti

Feriali (dal lunedì al venerdì): ore 8.30 in Collegiata;

Prefestivi: ore 18,00 in Collegiata;

Festivi: ore 9 e 10,30 in Collegiata e ore 19,00 a San Ruffillo (solo la domenica).