Omelia_21 Febbraio 2021

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA – S. PIER DAMIANI

La quaresima iniziata col mercoledì delle ceneri vuole essere come “il segnale” radio che si sentiva nei comunicati radiofonici per una persona che a volte dimentica ciò che più conta nella vita. Vuole essere un richiamo all’essenziale, a Dio. “Appena squillerà la tromba ascoltala” dice il profeta Isaia, e il Ps.95.7-8 ripete: “Se ascoltaste oggi la voce del Signore non indurite il cuore”. L’espressione quaresima richiama i giorni di penitenza del Signore nel deserto, ma anche “la gioia di quaranta giorni” ed entrare nello straordinario avvenimento della storia di Dio con l’uomo. È togliere il proprio io e tornare al noi, correggere la nostra impostazione mentale e assumere la forma del noi della Chiesa. Ricordiamo le parole di Gesù: “Quando digiuni, non diventare malinconico, ma profumati la testa” e ricordiamo le parole di S. Benedetto: “Con grande gioia dello spirito aspettiamo la Santa Pasqua”. La quaresima come tempo del solo digiuno non basta, si potrebbe dire “Tempo pasquale di penitenza” aderendo al mistero pasquale del Signore che entra con forza nella vita. La quaresima è accogliere ogni momento della vita e presentarla a Dio come una offerta per la nostra redenzione. Non abbandoniamo l’amore che ci dona, perché può rendere una festa anche il digiuno, non abbandoniamo le rinunce attraverso le quali ci caliamo e tocchiamo le tribolazioni del mondo, rimaniamo con le braccia aperte davanti al Padre. In questa prima domenica troviamo nella prima parte Gesù “sospinto” dallo Spirito Santo nel deserto. Nel deserto Gesù è messo alla prova, non come il popolo di Israele, ma da Satana, dall’avversario di Dio. S. Marco non ci parla delle tentazioni del Signore, ma fa comprendere che accanto a Gesù vi è sempre la presenza dello Spirito Santo “il Consolatore”. Quando il Battista fu arrestato Gesù venne in Galilea e “cominciò a proclamare la Buona Novella di Dio”. S. Marco riassume così il messaggio “Il tempo è compiuto” ormai non si può più tornare indietro. “Convertitevi”, “Credete al Vangelo” non si può più andare come se non fosse accaduto niente, bisogna cambiare il modo di pensare e agire. “Si deve credere a questa Buona Novella”. La Buona Notizia può cambiare tutto. Dio si sta introducendo nella vita di ognuno con la sua forza di salvezza, bisogna fare spazio a Dio nel nostro cuore, nella nostra mente. Quando recitiamo il “Padre Nostro” diciamo al Signore che “Venga il suo Regno” ma per far realizzare il Regno ognuno deve rovesciare l’orientamento delle cose a Dio, affidarsi al Signore e lasciare spazio allo Spirito Santo. In occasione della memoria di S. Pier Damiani ascoltiamo le sue parole: “Mi rifugio nel segreto del mio spirito: non chiedo, né aspetto la benevolenza e il favore di alcun mortale….mi affido unicamente alla verace testimonianza della mia coscienza”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 28 Febbraio 2021

(seconda domenica di quaresima)

APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 9,00 e 10,30 S. Messa in Collegiata S. Michele;  ore 18,00 S. Messa a San Ruffillo .

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Marco 9, 2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17):

AFFIDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE i nostri anziani

SANTO DEL GIORNO: San Romano, abate e Sant’Ilaro, papa

Sabato 27 Febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale; ore 18,00 S. Messa prefestiva in Collegiata;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Luca 5, 43-48) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17): AFFIDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE i nostri nemici e preghiamo per quelli che ci perseguitano

SdG_SANTO DEL GIORNO: San Gabriele dell’Addolorata, chierico passionista

Venerdì 26 febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI ore 8,30 S. Messa in Collegiata S. Michele; ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale; Nei venerdì del tempo di Quaresima è prescritta l’astinenza dalle carni;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Matteo 5, 20-26) In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: Stupido, dovrà essere sottoposto al sinèdrio; e chi gli dice: Pazzo, sarà destinato al fuoco della Geènna. Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono. Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17) AFFIDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE chi ci ha lasciato

SdG_SANTO del GIORNO: San Faustiniano, vescovo di Bologna

Giovedì 25 febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 8,30 S. Messa in Collegiata S. Michele; ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Matteo 7, 7-12)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto. Chi di voi, al figlio che gli chiede un pane, darà una pietra? E se gli chiede un pesce, gli darà una serpe? Se voi, dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele chiedono! Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17)

CHIEDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE di aiutarci a chiedere, a cercare, a bussare

SdG_SANTO del GIORNO: San Nestore, vescovo di Magydos e martire

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercoledì 24 febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 8,30 S. Messa in Collegiata S. Michele; ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Luca 11, 29-32)
In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17)
CHIEDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE di aiutarci a metterci al servizio del piano divino

SdG_SANTO del GIORNO: Santi Evezio e Pietro, martiri

Martedì 23 febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 8,30 S. Messa in Collegiata S. Michele; ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Matteo 6, 7-15)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.
Voi dunque pregate così:
Padre nostro che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male.
Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17)
CHIEDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE di aiutarci a fare la volontà del Padre

SdG_SANTO del GIORNO: San Policarpo, vescovo di Smirne e martire, Santa Giuseppina Vannini, vergine

Lunedì 22 febbraio 2021

AdO_APPUNTAMENTI DI OGGI
ore 8,30 S. Messa in Collegiata S. Michele; ore 17,00 Chiamata delle campane per la preghiera personale;

VdG_VANGELO DEL GIORNO (Matteo 16, 13-19)
In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti». Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

ACdC_ ALLA CHIAMATA DELLE CAMPANE (ore 17)
CHIEDIAMO con la preghiera alla MADONNA DELLE GRAZIE di aiutare anche noi a rispondere alla domanda che pone Gesù “E voi, chi dite che io sia?”

SdG_SANTO del GIORNO: Santa Margherita da Cortona e San Massimiano di Ravenna, vescovo

RINGRAZIAMENTO

La sede Caritas “Madonna del Monticino”, recentemente, ha avuto bisogno di interventi di manutenzione ordinaria agli impianti elettrico e di riscaldamento.

I responsabili e volontari RINGRAZIANO, ancora una volta, la ditta ELETTRO SISTEMI DI FIORENTINI ILARIO & PALLI IVAN S.N.C., e il Stefano Soglia del gruppo A.N.A (Associazione Nazionale Alpini) Gruppo “Baldi Sirio” per la loro disponibilità e aiuto.

Questi piccoli gesti permettono a Caritas di continuare la sua attività e il suo cammino di solidarietà verso chi è nel bisogno.

QUARESIMA – in Cammino verso la PASQUA

La Diocesi di Faenza-Modigliana propone un sussidio che, di domenica in domenica, permette di leggere, approfondire e pregare le prime letture del tempo di Quaresima. Il sussidio viene arricchito per ogni domenica dalla presentazione di un’opera d’arte collegata al testo biblico. Le immagini che accompagnano le schede di quest’anno sono opere di Arcabas (pseudonimo di Jean-Marie Pirot), maestro dell’arte sacra scomparso due anni fa. Il suo stile, caratterizzato dall’uso abbandonante e gioioso del colore e il senso fiabesco con cui tratteggia le scene, hanno dato a questo artista l’appellativo di ‘pittore della fede felice’

Opere D’Arte 

Vangeli

Domenica 21 Febbraio

Domenica 28 Febbraio

Domenica 7 marzo

Domenica 14 marzo

Domenica 21 marzo

Domenica 28 marzo – Le Palme